Menu

Per ottenere il massimo risultato economico in caso di danni indiretti da “fermo di produzione” aziendale

I danni indiretti che un’azienda produttiva può subire riguardano tutti gli effetti economici derivanti da un danno diretto (incendio, eventi atmosferici e catastrofali) che interessa un impianto o macchinario produttivo determinandone l’inservibilità.

Il danno indiretto deriva dal fermo di produzione conseguente all’indisponibilità dell’impianto o macchinario danneggiato dal sinistro. In termini economici il danno indiretto è calcolato in base ai costi fissi sostenuti dall’azienda, ai quali aggiungere la perdita di utile, conseguente alla mancata vendita dei prodotti non realizzati, per tutto il periodo di fermo dell’attività.

Solitamente i danni indiretti sono di importo economico rilevante e maggiore dei danni materiali e diretti che li hanno originati. Per ottenere la copertura di questa tipologia di rischio è necessario assicurarsi con un’apposita polizza specifica che viene prestata secondo tre forme tipiche di proposta assicurativa: MDC (forma a perdita margine di contribuzione), LOP (forma a perdita di profitto lordo), DIARIA (perdita di profitto lordo giornaliera).

La stima dei danni indiretti necessita di un’attenta analisi del bilancio aziendale e della realtà produttiva, passata e futuribile, dell’impresa danneggiata, al fine di rappresentare in modo fedele e completo gli effetti del sinistro.

Nel caso in cui i danni indiretti sono causati dalla responsabilità oggettiva di un soggetto terzo, GARAperizie è in grado di valorizzare e conseguire il giusto e miglior risarcimento a favore del proprio Cliente anche in assenza di una polizza specifica da quest’ultimo stipulata.

Che differenza c’è tra il perito assicurativo e il perito di parte?

Scarica la scheda